In News

Caserta – Perchè i giovani non trovano lavoro? E’ la domanda regina sulla quale si interrogano cattedratici e politici da decenni, in un continuo rimando di responsabilità che serve a poco. Hanno tutti torto e tutti ragione, perchè se è vero che le scuole e le Università non sempre indirizzano al meglio gli studenti verso le richieste del mercato, è altrettanto vero che la Politica quasi mai struttura interventi significativi affinché abbia un senso il primo articolo della Costituzione italiana quale “Repubblica fondata sul lavoro”.  E hanno ragione e torto soprattutto loro, i giovani, sia quelli che decidono di andare via dall’Italia in cerca di gratificazione altrove sia quelli che restano, imponendosi come aventi diritto a gratificazioni nella propria terra.  E quando la terra si chiama Campania, e la provincia è Caserta, la faccenda si complica. Perchè non vale più soltanto un interrogativo, ossia se c’è bisogno più di pizzaioli, falegnami, o sarte, oppure di specialisti di area scientifica e tecnici in campo ingegneristico e tecnologico.

A Caserta e provincia  l’interrogativo è anche un altro: perchè certi mestieri appaiano ancora “da sfigati” rispetto ad altri? Conta più la gratificazione personale oppure un titolo che suoni bene in società, tanto poi alle bollette ci pensano mamma e papà? E stereotipi ed etichette imperano anche quando si parla di call center, ritenuti “l’ultima spiaggia” per chi cerca lavoro. Ciò nonostante, senza guardare troppo lontano ossia a realtà consolidate in Italia e all’Estero, sotto casa di distinguono società che nulla hanno a che vedere con paghe da miseria, lavoro frustante, prospettive di carriera zero. E’ il caso del Gruppo di Aziende formato da Microsite, Smartcall e Wifor Call Center operanti nelle sedi di Caserta, Santa Prisco e Caianello che, in 18 anni di attività, ha completamente sradicato ogni preconcetto legato al lavoro degli operatori telefonici.  Perchè loro, i 95 dipendenti del Gruppo operanti nelle sedi di Caserta, Santa Maria Capua Vetere e Caianello, sanno di non essere semplici call-center, ma un team di professionisti accuratamente formato e motivato che sa come ottenere il massimo dei risultati possibili senza temere ostacoli. Il segreto? Puntare sui tre cardini imprescindibili per chi entra nella vita delle persone con uno squillo.

1. relazione empatica, evitando di essere invasivi nei confronti degli utenti finali. Questo perchè iteleseller del Gruppo, accuratamente formati, utilizzano metodologie di comunicazione integrata e strettamente correlate ai piani di marketing ideati per i clienti.

2. feedback, possibile grazie al fatto che i Telesales, specializzati nel teleselling, ovvero nella vendita di contratti mediante telefonate mirate e strutturate secondo precisi canoni,rappresentano una vera e propria rete commerciale per le aziende che intendono incrementare il proprio portfolio clienti.

3. consulenza, con la consapevolezza che per fidelizzare la clientela, incrementare la brand awareness e gestire nel migliore dei modi iniziative e campagne di tipo pubblicitario e promozionale, il Gruppo si pone come un sincero consulente nelle scelte degli utenti finali. Risultati duraturi per una customersatisfaction reale.

Ma c’è una verità che traspare in ogni telefonata, l’unica che rende possibile un successo consolidato da 18 anni: i Telesales sanno di potercela fare perchè protagonisti, ognuno a suo modo, di una realtà aziendale che ama e punta al benessere dei suoi dipendenti ancor prima di investire sull’interazione con i clienti finali.

Post recenti